La Musica secondo… Arthur Schopenhauer

Arthur Schopenhauer e la musicaComincio con questo articolo una escursione nel pensiero “musicale” di grandi filosofi che hanno trattato della musica nei loro scritti.
Arthur Schopenhauer, filosofo pessimista del primo Ottocento, considerava la musica come un  linguaggio universale (e non si sbagliava molto, a giudicare da alcuni studi a riguardo). Secondo il suo punto di vista, la musica e’ l’unica arte che va oltre la materia, l′unica che può esistere anche senza il mondo. E’ molto profonda, perché’ non esprime semplicemente un’idea, ma e’ l’essenza stessa del pensiero e dell’esistenza.

Devo dire che condivido in pieno questo pensiero e aggiungo che credo che la musica sia l’essenza di tutto cio’ che esiste, non solo delle idee.

Di seguito riporto un passo che illustra questi concetti espressi da Shopenhauer:

«La musica oltrepassa le idee, è del tutto indipendente anche dal mondo fenomenico, semplicemente lo ignora, e in un certo modo potrebbe continuare ad esistere anche se il mondo non esistesse piú: cosa che non si può dire delle altre arti. La musica è infatti oggettivazione e immagine dell’intera volontà, tanto immediata quanto il mondo, anzi, quanto le idee, la cui pluralità fenomenica costituisce il mondo degli oggetti particolari. La musica, dunque, non è affatto, come le altre arti, l’immagine delle idee, ma è invece immagine della volontà stessa, della quale anche le idee sono oggettività: perciò l’effetto della musica è tanto piú potente e penetrante di quello delle altre arti: perché queste esprimono solo l’ombra, mentre essa esprime l’essenza.(…) [La musica] esprime, con un linguaggio universalissimo, l’intima essenza, l’in sé del mondo, che noi, partendo dalla sua piú limpida manifestazione, pensiamo attraverso il concetto di volontà, e l’esprime in una materia particolare, cioè con semplici suoni e con la massima determinatezza e verità; del resto, secondo il mio punto di vista, che mi sforzo di dimostrare, la filosofia non è nient’altro se non una completa ed esatta riproduzione ed espressione dell’essenza del mondo, in concetti molto generali, che soli consentono una visione, in ogni senso sufficiente e applicabile, di tutta quell’essenza; chi pertanto mi ha seguito ed è penetrato nel mio pensiero, non troverà tanto paradossale, se affermo che, ammesso che si potesse dare una spiegazione della musica, completamente esatta, compiuta e particolareggiata, riprodurre cioè esattamente in concetti ciò che essa esprime, questa sarebbe senz’altro una sufficiente riproduzione e spiegazione del mondo in concetti, oppure qualcosa del tutto simile, e sarebbe cosí la vera filosofia.»

(A. Schopenhauer, Il mondo come volontà e rappresentazione, I, 52 in Grande Antologia Filosofica, Marzorati, Milano, 1971, vol. XIX, pagg. 690-691)

by Wenz

accordatura a 432 hz

"Accordatura 432 Hz" e book gratuito

Scarica ora l’ebook gratis sul tuo PC

e comincia subito a leggerlo.

2 Commenti

  1. guitargirl

    Ammesso che si possa dare una spiegazione esatta della musica? Meno male che non si può. Contempliamocela dentro, godiamoci la sua funzione catartica, pur se passeggera. Grande filosofo!

    Replica
    1. Wenz (Autore Post)

      Brava, vedo che impari! 🙂

      Replica

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *