La Biopsicofonica: musica come un massaggio

Share
massaggio sonoroSappiamo tutti che i ritmi della società attuali sono innaturali e causano svariati problemi alla salute umana, primo tra tutti lo stress. Per far fronte a questa situazione ci si dedica ad attività benefiche come yoga e meditazione, sport, palestre e massaggi, gite nella natura, vacanze e altro. Ognuno a modo cerca una soluzione ai disturbi e ai sintomi del “mal d’ansia”.

Che la musica sia rilassante è noto, ma cosa direste se qualcuno vi proponesse un bel massaggio sonoro?

La Biopsicofonica propone una soluzione musicale al problema. Questa disciplina si occupa di capire come il suono interagisce con il corpo e come può essere utilizzato per il benessere della persona. Così, attraverso una collaborazione tra scienziati, neurologi e naturopati, una ricerca di più di vent’anni effettuata da Alfredo Miti, pioniere sperimentatore del suono olofonico, nasce una vera possibilità di rilassarsi a livello psicosomatico. E’ Armoònia, il lettino per il massaggio sonoro.
Gli studi dimostrano il collegamento tra la frequenza dei suoni e le onde cerebrali, di come la musica, e soprattutto le armoniche del suono, possa stimolare “massaggiando” il corpo umano e le onde cerebrali. Una sollecitazione meccanica come quella di un massaggio manuale, ma molto più sottile, arriva a “solleticare” la mente e ha l’effetto di equilibrare gli emisferi del cervello. Le orecchie non sono l’unico canale del suono, c’è anche la corteccia cerebrale, la pelle e vari recettori sparsi sulla sua superficie così il massaggio risulta globale e molto efficace.
Non dobbiamo pensare che i benefici siano solo fisici. Vari studi dimostrano come essi si estendono anche alla sfera psicoattitudinale, migliorando i rapporti nel lavoro, le attitudini, le emozioni, la stratificazione della coscienza, disturbi depressivi e di comunicazione. Insomma vi è un riequilibrio di corpo, mente e spirito, un benessere totale, come per prime ci hanno insegnato le discipline orientali.
Ormai sono molte le scienze “musicali” nel campo della salute psicofisica, come la Cimatica, la Vibroacustica e la Psicoacustica, la Musicoterapia e il Nada Yoga. Queste dimostrano ampiamente i benefici del suono e le sue possibili applicazioni. Prossimamente tratterò di ognuna di queste discipline.

By WENZ

accordatura a 432 hz

"Accordatura 432 Hz" e book gratuito

Scarica ora l’ebook gratis sul tuo PC

e comincia subito a leggerlo.

4 Commenti

  1. guitargirl

    Che esperienza dev’essere, si puo’ proporre per la scuola?

    Replica
  2. Wenz (Autore Post)

    Eh eh! Magari si può proporre. Cmq se guardi il sito vedrai che sono a Guastalla, quindi se vuoi provare…

    Replica
  3. Lilium

    Molto interessante!!! L’unica cosa cho mi inquieta è il gesto che fa lei quando dice “testature chinesiologiche” ottorno al sesto minuto…
    Siamo energia e come tale recepiamo ogni vibrazione, io ho provato vari mantra e anche le campane tibetane e sicuramente ne ho sentito dei benefici!

    Replica
    1. Wenz (Autore Post)

      Eh eh, ma non l’avevo notato!!! Sì, in effetti spero che queste “testature” non siano troppo invasive, altrimenti questo massaggio sonoro mi sa che non mi rilasserebbe molto!!! Cmq a me è piaciuta la forma dei cristalli d’acqua con bach e mozart. Mi domando come reagirà l’acqua quando sentirà la mia di musica!!! 😉

      Replica

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share