Musica: emozione universale

ricerca su musica ed emozioniOggi tratto un argomento che mi sta molto a cuore. E’ una ricerca condotta da un neuro scienziato tedesco, di nome Thomas Fritz, che intende dimostrare come le emozioni prodotte dalla musica sono recepite allo stesso modo da tutti gli individui, indifferentemente dalla loro cultura.

Si tratta di un tema molto dibattuto nella storia della musica. Ad esempio Stravinskij nelle “Cronache della mia vita” si esprime sull’argomento dicendo che per lui la musica è “incapace a esprimere un qualsiasi sentimento”. Se leggesse questo studio, forse potrebbe cambiare idea!

La popolazione dei Mafa si trova nelle montagne del Camerun, e non conosceva ancora la musica occidentale. Per questo i ricercatori del Max Planck Institut per le scienze cognitive, hanno pensato di fare ascoltare la musica di Mozart, gli U2, Lady Gaga, a quel popolo ancora “vergine” da questo punto di vista.

La scoperta è molto interessante, perché il risultato è che le note di Chopin, di Elton John e di molta altra musica occidentale, suscita le stesse emozioni dappertutto, già al primo ascolto, come se un istinto primordiale aiutasse a comprenderle.

Il professor Fritz commenta così lo studio: “I Mafa hanno riconosciuto i sentimenti espressi nei brani che abbiamo riprodotto. Come un ascoltatore occidentale avvertivano gioia nella rapidità e nelle tonalità maggiori (come Fra Martino), tristezza nei tempi lenti (come nelle marce funebri) e angoscia nelle tonalità minori (come nella V sinfonia di Beethoven) ”.

A mio parere, il modo in cui recepiamo la musica è proprio dovuto alla nostra natura. La cimatica, il Nada Yoga e altre discipline di musicoterapia sanno perfettamente che c’è un collegamento molto profondo tra emozioni e suono, e questo lavoro di Fritz e della sua equipe è un altro punto a favore di chi crede nel potere profondo della musica.

Cfr. http://www.focus.it/Scienza/multimedia/la-musica-e-universale.aspx

by Wenz

accordatura a 432 hz

"Accordatura 432 Hz" e book gratuito

Scarica ora l’ebook gratis sul tuo PC

e comincia subito a leggerlo.

1 Commento

  1. guitargirl

    A me l’heavy metal infastidisce, ma forse emoziona altri.

    Replica

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *