Fusione a freddo? Sì grazie!! Speriamo bene…

L’argomento di quest’articolo esula un po’ dai temi principali del blog. Comunque, siccome è una cosa molto importante e discussa, voglio dare anch’io il mio contributo alla diffusione di questa notizia. Inoltre in questo momento, dopo il grave incidente nucleare in Giappone e il dibattuto referendum sul ritorno del nucleare in Italia, un esperimento di fusione a freddo si presenta come un’inaspettata soluzione a molti problemi, speriamo possa avere sviluppi  industriali in breve tempo. Ecco cosa è successo in breve:

All’inizio dell’anno, si è tenuto presso l’università di Bologna, un esperimento atto a dimostrare l’efficacia di un reattore a nichel-idrogeno, brevettato dall’ingegnere Andrea Rossi, in grado di moltiplicare fino a sei sette volte circa l’energia necessaria per il suo innesco. La reazione all’interno è coperta dal segreto del brevetto, ma sembra si tratti di una reazione nucleare che avviene a freddo, quindi a temperatura ambiente, senza cioè che si arrivi alla disgregazione dell’atomo fornendo grandi quantità di energia. In più sembra che la quantità d’idrogeno necessaria per la reazione sia irrisoria rendendo il tutto quindi molto economico. Inoltre l’impatto ambientale è molto basso, contrariamente all’energia atomica tradizionale, oggi in uso presso gli impianti nucleari.

Sono disponibili tre video dell’esperimento su you tube che allego di seguito.

Se tutto sarà confermato, questa scoperta potrebbe avere grandi sviluppi nella produzione di energia industriale fino addirittura a cambiare la nostra società. Speriamo bene.

By Wenz

Per approfondire:

http://www.lamentemente.com/2011/04/08/il-ritorno-della-fusione-fredda-realta-consapevolezza-opportunita-reazione-nucleare/

http://www.ecoblog.it/post/11875/fusione-a-freddo-i-video-dellesperimento-di-bologna

http://it.wikipedia.org/wiki/Fusione_nucleare_fredda

accordatura a 432 hz

"Accordatura 432 Hz" e book gratuito

Scarica ora l’ebook gratis sul tuo PC

e comincia subito a leggerlo.

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *