Imparare a sfogare le emozioni negative

Imparare a sfogare le emozioni negativeLe emozioni negative, come la rabbia, dovrebbero essere espresse con naturalezza. In fondo non c’è nulla di male in queste “tempeste” emotive, ci sono perchè non siamo fatti di legno. E’ inutile reprimere la rabbia, meglio sfogarla e lasciare che passi da se.

 

Logicamente non si tratta di sfogarsi su qualcun altro (che è la cosa che la maggior parte di noi fa), piuttosto è necessario imparare a esprimere questi stati d’animo “difficili” senza nuocere agli altri. Lo si dovrebbe fare come fosse un gioco.

Ad esempio, mettiamo che siate particolarmente arrabbiati con qualcuno o qualcosa. Andate in una stanza dove non vi vede nessuno e sfogatevi piangendo, urlando, scalciando, o colpendo un cuscino, cioè entrando completamente nello stato d’animo che volete sfogare. In questo modo la rabbia si trasforma in qualcos’altro.

Tutti i sentimenti repressi non sono che energia negativa, non si possono reprimere, prima o poi ritornerebbero amplificati, perchè l’energia non si distrugge, si possono solo trasformare in qualcosa d’altro. Allora perchè non trasformarli in un gioco o in un divertimento?

Mentre si dà sfogo alle emozioni negative, non si dovrebbe nemmeno cercare di essere testimoni di se stessi, quello è uno stato da perseguire in seguito, dopo di aver imparato a liberarsi dai pesi inutili senza recar danno a nessuno. E’ un’arte che va imparata, perchè nessuno nasce con questa consapevolezza, è un traguardo da conseguire in questa vita.

Lasciar spazio a tutte le emozioni è importante, perchè fanno parte di noi, se le rifiutiamo neghiamo noi stessi e creiamo delle divisioni nella nostra essenza. Senza questo veleno saremo più benevoli con tutti, più allegri e gioiosi. In fondo bastano pochi minuti per sfogarsi nel modo giusto, e imparare a farlo è imperativo, per la nostra vita stessa.

(articolo ispirato agli insegnamenti del maestro Osho)

by Wenz

accordatura a 432 hz

"Accordatura 432 Hz" e book gratuito

Scarica ora l’ebook gratis sul tuo PC

e comincia subito a leggerlo.

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *