La pietra filosofale

Share
amore è pietra filosofaleQualcuno forse ha sentito parlare della pietra filosofale, dalle fantastiche qualità, tra le quali quella di trasformare i metalli in oro e di dare la conoscenza del bene e del male. Esisterà qualcosa del genere?

Forse esiste e ce l’abbiamo anche sotto il naso, anzi direi che il mondo stesso ne è permeato. Per me si tratta dell’amore.

Non crediate che io cerchi di rinnovare qualche vecchio slogan hippie degli anni sessanta, come “Peace and Love”, oppure qualche ideale utopico anche se condivisibile. Non credo molto nella fantasia da favola “fumata” di quegli anni. Parlo invece di qualcosa di più concreto, che potete sperimentare oggi stesso, se lo volete.

Una delle nostre pecche, di parecchi di noi almeno, è di dare tutto per scontato, senza prestare attenzione alle piccole cose di tutti i giorni. Vivere con amore, significa mettere questa qualità anche nei più semplici gesti che compiamo, mettere passione e dedizione nell’azione del momento, anche se sembra una banalità.

Riuscirci è una grossa conquista, perché significa fare sempre il meglio. Significa anche rimanere aperti al mistero della vita, cioè essere sempre alla ricerca della conoscenza senza mai concluderla, perché la vera conoscenza non ha mai fine, proprio come l’amore. Non si esaurisce, rimane sempre come fosse una corrente sotterranea che ci stimola ogni giorno a dare il meglio di noi, una specie di carburante extra.

Mangiando facciamolo con amore, perché in quello di cui ci nutriamo troviamo il divino. Camminiamo con amore, perché la Terra è divina, è sacra. Laviamoci con devozione, rispettiamo il nostro corpo, perché è un tempio, non è nostro è di Dio.

Quando le piccole cose acquisiscono un significato così profondo, non sono più piccole, diventano grandi, e con esse anche la nostra vita diventa grande.

(Articolo ispirato agli insegnamenti del maestro Osho)

By Wenz

 

Ebook Gratuito: "Accordatura 432 Hz"

accordatura a 432 hzScarica ora l’ebook gratis sul tuo PC
e comincia subito a leggerlo

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share