Tradizione sufi e musicoterapia

6 ottobre 2011 1 Di Enzo Crotti
Share

Dervisci sufi e la musicaMolte culture orientali hanno una grande conoscenza degli effetti curativi della musica, un po’ come nella nostra musicoterapia, solo che queste tradizioni sono molto più antiche. Ad esempio la tradizione sufi ritiene che i suoni agiscano e interagiscano col corpo umano attraverso il sistema endocrino. Perciò lavorare con suoni puri (come ad esempio nel massaggio sonoro), oppure fare esercizi musicali con la voce o con gli strumenti, può aiutare a liberare le energie.

In particolare il canto è considerato un ottimo sistema, per motivi di cui ho già parlato. Alle vocali viene attribuito un potere magnetico e alle consonanti un potere elettrico, per la loro qualità ritmica. Assieme, queste due caratteristiche, si uniscono per riattivare i meridiani.

Alla vocale “A” si attribuisce un colore dorato e la funzione di apertura del cuore. La “U” è blu e correlata alla gola, mentre la “I” è associata all’aria, di colore verde-azzurro, e si collega alla mente.

by Wenz

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTERmateriale gratuito

Iscrivendoti potrai scaricare il brano "Aria d'Ohm",

un profondo brano spirituale intonato a 432 Hz!