Bill Evans (1929-1980)

13 maggio 2011 0 Di Enzo Crotti
Share

Bill Evans è stato un musicista che ha lasciato una profonda impronta nella storia del jazz, influenzando col suo stile numerosi artisti suoi contemporanei e successivi. Il suo talento lo mise in evidenza già da subito, quando nel 1956 apparve sulle scene e, in breve tempo, lo portò a collaborare con musicisti del calibro di George Russell, prima, e di Miles Davis in seguito nello storico album “Kind of Blue”, pietra miliare del jazz modale. In seguito Evans intraprese una carriera per lo più solistica, registrando album a suo nome e sviluppando il suo stile innovativo che prevedeva un uso più ampio dell’armonia, derivata da autori impressionisti come Debussy e Ravel, l’attenzione alle sfumature sonore e l’articolazione melodica del fraseggio.

Grande importanza ebbe il trio con Paul Motian e Scott La Faro, che contribuirono a innalzare la qualità della musica jazz di quel periodo, toccando vette mai raggiunte prima, riuscendo a integrare perfettamente le colorate armonie di Evans con il fraseggio melodico articolato del grande contrabbassista La Faro (tragicamente morto poco dopo in un incidente stradale). Le incisioni fatte dal trio, come “Portrait in Jazz”, “Explorations”, “The Complete Live At Village Vanguard” sono indispensabili per chi ama questo genere musicale, caratterizzate da un equilibrio che nemmeno lo stesso Evans riuscirà più ad eguagliare.

By Wenz
 

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTERmateriale gratuito

Iscrivendoti potrai scaricare il brano "Aria d'Ohm",

un profondo brano spirituale intonato a 432 Hz!