Linguaggio musicale elevato genera elevato apprendimento

13 settembre 2011 1 Di Enzo Crotti
Share
Linguaggio musicale elevato genera elevato apprendimentoAnticamente il sapere e l’educazione erano trasferiti oralmente, e anche se ora questi metodi sembrano obsoleti e primitivi, forse vi sono caratteristiche da riconsiderare. Sappiamo infatti che l’intelligenza è di vari tipi (matematica, emotiva, sociale, ecc.) e che inoltre il nostro cervello è diviso in due emisferi, con caratteristiche diverse, che dovrebbero essere ben equilibrati per compiere al massimo le loro funzioni.

 

Per stimolare la capacità analitica e mnemonica assieme al pensiero critico, intuitivo e creativo, costruendo così una personalità più completa, che comprenda anche un “essere” per il futuro uomo, l’antico educatore aiutava gli studenti a “tirare fuori” il meglio di sé con domande e con suggerimenti su come porsele, anziché fornire un pacchetto preconfezionato come avviene ai nostri giorni. Ad esempio Socrate era solito all’insegnamento attraverso domande per i suoi discepoli, con lo scopo di arrivare all’intuizione e radicare la conoscenza più in profondità, senza renderla una mera e piatta nozione, che non stimola in pieno l’allievo.

L’istruzione moderna non aiuta ad aumentare il QI, poiché la scrittura alfabetica e i moduli di materia pre-confezionati sono “congelatori di sapere” che impoveriscono, anche perché non stimolano a sufficienza l’udito e l’immaginazione degli studenti.

Un aspetto importante del sapere tramandato oralmente è naturalmente l’udito, infatti, come vi sono due emisferi differenti nel cervello, anche le orecchie lo sono. L’orecchio destro è dominante, perché è governato dall’emisfero sinistro, quello più razionale. L’effetto di questa predominanza è che i suoi impulsi sono più veloci e precedono quelli dell’altro orecchio (ecco perché di solito si ascolta il telefono con l’orecchio destro). Non è importante solo l’udito, ma più ancora l’ascolto, perché serve che entrambi gli stimoli uditivi siano “ascoltati”.

Per ascoltare davvero e quindi apprendere, è necessaria l’attenzione, e per avere attenzione, deve avvenire una stimolazione più completa possibile, perché è vero che se da una parte abbiamo la “capacità di concentrazione”, dall’altra anche la sorgente deve essere configurata in questo senso. Perciò possiamo dire che l’arte è una sorgente completa e stimolante, che genera un apprendimento migliore. La musica, dal canto suo, essendo prettamente uditiva, ha un ruolo fondamentale.

Se non vi è la parola, l’emisfero destro è più coinvolto, e questo spiega perché molte persone trovano difficoltà nell’ascolto di musica strumentale. Il motivo è che essa necessita di maggiore “attenzione”. E’ quindi, per così dire, più faticosa da ascoltare, ma anche consigliabile e benefica. Inoltre ogni musica (anche cantata) che sia di elevata qualità presenta le stesse caratteristiche. Questo almeno per equilibrare un mondo nel quale la stimolazione visiva è preponderante, e questa, quando non implica un alto livello di attenzione (teatro, cinema d’autore, arte visiva, ecc.) non porta da nessuna parte.

by Wenz

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTERmateriale gratuito

Iscrivendoti potrai scaricare il brano "Aria d'Ohm",

un profondo brano spirituale intonato a 432 Hz!