Metodo Tomatis e orecchio elettronico

10 Aprile 2019 0 Di Enzo Crotti
Ragazza con cuffie stereo

Il Dott. Tomatis, otorinolaringoiatra e chirurgo francese, usò il suono per migliorare apprendimento, salute ed emozioni delle persone. In particolare egli sviluppò un “orecchio elettronico” per rieducare all’ascolto.

Alfred Tomatis, nato a Nízza nel 1920 da genitori italiani, fu un importante studioso del suono e dei suoi aspetti curativi. Già da giovane, quando nel primo dopoguerra tra i suoi pazienti aveva ebrei reduci dai campi di sterminio, scoprì che questi ultimi erano sordi alle frequenze delle sirene che avevano sentito nei campi.

A seguito di ciò, Tomatis giunse alla conclusione che persone che non sono sorde possono esserlo per specifiche frequenze anche per motivi emozionali. Ad esempio donne abusate da piccole possono essere sorde alle frequenze della voce dell’abusatore. Se ci pensiamo esiste una capacità di filtrare i suoni e concentrarci solo su quelli che ci interessano, quindi è un po’ come se alcune persone facciano una specie di selezione inconscia e protettiva nei riguardi di suoni che hanno accompagnato eventi traumatici.

Ciò che avviene è che nell’orecchio interno si trova un organo (chiamato organo di Corti) contenente ciglia che sono messe in movimento da specifiche frequenze. Queste ciglia possono essere danneggiate da traumi ed esperienze spiacevoli, per cui si diverrà sordi alle frequenze a cui queste ciglia erano dedicate.

L’orecchio elettronico di Tomatis

Grazie agli studi effettuati, il dott. Tomatis è arrivato a sviluppare un “orecchio elettronico” che permette di esercitare le ciglia e recuperare l’udito su alcune frequenze. La macchina funziona modificando le normali frequenze della musica e andando ad alzarne o abbassare repentinamente alcune per stimolare la risposta delle ciglia. Le ciglia danneggiate non possono essere rigenerate, ma quelle ancora attive e in posizione prossima, possono divenire più ricettive e compensare la mancanza delle altre.

Recuperare del tutto o anche parzialmente l’udito su tutta la gamma di frequenze può significare anche migliorare molte patologie come dislessia, autismo, difficoltà di apprendimento, deficit dell’attenzione e molti altri problemi fisico-emozionali.

Dopo la terapia con il metodo Tomatis, si possono risolvere o migliorare gli effetti di traumi come gli abusi sessuali, tornando così ad avere un rapporto equilibrato con persone che prima causavano problemi perché richiamavano i traumi anche in maniera inconscia.

Musica ed emozioni

Grazie al lavoro del dott. Tomatis possiamo comprendere quanto la musica sia importante per la sfera emozionale, e come si possano ricevere benefici da tipi di musica che enfatizzano alcune frequenze. Ad esempio una musica basata su frequenze naturali come la frequenza di Schumann avrà un effetto più rilassante per la presenza di frequenze tipiche dell’ambiente terrestre in ci siamo evoluti. Prova ad ascoltare il brano “Romanza in FA maggiore” di Beethoven e giudica se lo senti effettivamente rilassante, lo puoi trovare nel video qui sotto. Buon ascolto.


Video: terapia dell’ascolto con il Metodo Tomatis


VIDEO: Romanza in FA maggiore, frequenze Naturali e rilassanti


Ti è piaciuto questo articolo? Allora potrebbero interessarti anche le opere dell’autore Enzo Crotti: