Sondaggio: musica a 432 hz o musica a 440 hz?

Piano - primo piano

La dibattuta questione dell’accordatura a 432 Hz continua a suscitare dubbi e perplessità da parte di alcuni e interesse da parte di altri. Gli studi su questa materia non sono molti, ma comunque ci sono, allora ho pensato di dare un piccolo contributo con questo sondaggio.

Premetto che questo è un semplice sondaggio che non ha valore scientifico, in quanto si affida unicamente alla serietà di chi decide di dare il proprio contributo provando ad affrontare il test. In ogni caso ho cercato di mettere insieme un test attendibile che propone quattro ascolti intervallati da rumore bianco per non fare un confronto diretto tra la musica a 432 Hz e la musica a 440 Hz.

Caratteristiche del test

Il test dura circa 8 minuti e le clip sono tutte lo stesso passaggio in LAm. Sarebbe abbastanza inutile prendere in considerazione una tonalità che non contiene nemmeno la nota LA per fare un test del genere. Ho controllato il file audio con l’analizzatore di spettro e le frequenze sono corrette. Poi ho cercato di evitare il problema dell’ascolto più basso sui 432 Hz che tende a far sentire la musica più rilassante. Per fare questo ho utilizzato il rumore bianco, che contiene tutte le frequenze, per “ripulire” l’orecchio cercando di essere influenzati il meno possibile tra i vari ascolti, inoltre i brani cambieranno di posizione regolarmente. Come dicevo non voglio dire che si tratta di una ricerca scientifica, ma solo di un sondaggio che spero nel tempo raccolga molti dati per diventare il più attendibile possibile.

Riguardo agli studi che si possono trovare sulla musica a 432 Hz vi rimando a quest’articolo: Articoli scientifici sull’accordatura a 432 Hz.

Bene, allora vi lascio al test e vi chiedo di diffonderlo il più possibile condividendolo e consigliandolo agli amici. Più sarete a farlo e meglio sarà. Grazie (per seguire l’andamento del sondaggio iscriviti alla newsletter).

Prima di fare il test leggi bene le istruzioni riportate all’inizio e soprattutto cerca di stare in un luogo silenzioso evitando sovrapposizioni di musiche provenienti da altre sorgenti (TV, radio, telefono, pc, ecc.). Meglio aspettare almeno 10 minuti dopo l’ascolto di altre musiche per non esserne influenzati.






Per rimanere aggiornato iscriviti alla news letter, grazie.

Nome

Indirizzo Email

Privacy: utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati.


8 Comments

  1. Interessante Questo sondaggio , io aggiungerei qualche brano moderno anche di soli 30 secondi e metterei a volte due volte lo stesso brano a 432 e a volte a 440 così da depistare ogni tentativo di azzeccare al 50%

    • Grazie del suggerimento, ho cercato di aggirare i possibili confronti con la rotazione e il rumore bianco. Magari in una futura versione del test proverò altre soluzioni…

  2. Grazie per il test. Apprezzo molto la vostra intenzione di portare a conoscenza il potere della musica a 432 . Sono una naturopata e credo nel potere curativo della musica e di tutte le forme di vibrazione. La gente ha bisogno di conoscere e comprendere.

    • Grazie, molto gentile Elena. Abbiamo tutti bisogno di crescere, è anche per questo che esiste questo sito 🙂

  3. Maria Angela Caliari

    Molto interessante , anche se non sono riuscita ad avere un rilassamento totale, comunque bella iniziativa , ci metterei dei toni più bassi poi ogni uno fa quello che vuole,uno percepisce meglio la vibrazione in base alla sua , . Buon lavoro

    • Naturalmente il risultato della musica dipende anche della qualità della stessa.Purtroppo data la scarsità dei mezzi ho utilizzato musica senza copyright, quindi il suggerimento è quello di concentrarsi unicamente sulle frequenze e la tonalità, lasciando perdere l’esecuzione e la qualità musicale. So che non è facile, ma il test richiede questo. Grazie. Magari in futuro proverò a fare una versione del test con musica differente, per questo ho scelto due brani di pianoforte molto noti.

  4. Il mio gradimento penso sia dovuto più alle esecuzioni dei brani che alle loro frequenze. In particolare Per Elisa non mi rilassato perché era suonata a velocità eccessiva!

    • Naturalmente il risultato della musica dipende anche della qualità della stessa. Purtroppo data la scarsità dei mezzi ho utilizzato musica senza copyright, quindi il suggerimento è quello di concentrarsi unicamente sulle frequenze e la tonalità per quanto possibile, lasciando perdere l’esecuzione e la qualità musicale. So che non è facile, ma il test richiede questo. Grazie.

Leave a Reply