Canto: potere meditativo e spirituale

5 luglio 2011 2 Di Enzo Crotti
Share
canto, spiritualità e meditazioneIl suono prodotto dalla voce esiste in tutte le culture antiche e presenti, ci appartiene perché risuona in noi, si amplifica nei nostri organi e nelle cavità del nostro corpo, giocando e rimbalzando al nostro interno.

 

Pensiamo al canto religioso o spirituale, a come crea un punto di connessione tra la realtà e la sacralità che la permea. Pensiamo alla natura, e a com’è possibile udire melodie e canti prodotti dagli animali, dal vento, dal mare, o dagli alberi.

Da sempre il canto è stato utilizzato per guarire le persone fisicamente (ad es. nada yoga), per lo spirito (canti rituali), per alleviare le sofferenze (canti di lavoro), scandito i ritmi della vita (primavera, raccolto nei campi, battesimi, matrimoni, funerali, ecc.).

La preghiera, quando è unita al canto, è molto profonda e vibra al nostro interno riuscendo ad arrivare a cambiare la nostra chimica. Se il corpo è coinvolto interamente nel canto, lo spirito cresce con esso e diventa un tutt’uno.

Un bambino è influenzato dal canto della madre, perché l’udito è il primo senso che si sviluppa. Anzi, per chi crede nella reincarnazione, esiste una memoria inconscia che collega la coscienza di tutte le vite vissute e che una cosa profonda come le vibrazioni del canto e della meditazione, può recuperare.

Se, come in altri articoli è stato spiegato, la vibrazione sonora ha poteri effettivi sulla materia e quindi sul nostro corpo, allora il canto diventa la forma di sviluppo di queste qualità per eccellenza e, quando unito alla meditazione, ne amplifica le proprietà.

by Wenz

 

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTERmateriale gratuito

Iscrivendoti potrai scaricare il brano "Aria d'Ohm",

un profondo brano spirituale intonato a 432 Hz!