L’impatto emotivo della musica

18 febbraio 2012 0 Di Enzo Crotti
Share
musica ed emozioniUno scienziato australiano ha scoperto come quantificare matematicamente l’effetto che un determinato brano musicale produce sull’ascoltatore

 

La capacità della musica di renderci allegri, tristi, eccitati o annoiati può essere predetta con precisione basandosi su pochissimi elementi. Lo ha scoperto uno scienziato australiano, il cui studio è il primo a quantificare matematicamente l’impatto della musica sulle emozioni.

“Il volume, il tempo e la tonalità, fra le altre cose – spiega Emery Schubert, psicologo musicale dell’Università del Nuovo Galles del Sud di Sydney – hanno un impatto misurabile sulla risposta emotiva delle persone alla musica”. Schubert ha chiesto a numerosi volontari di ascoltare quattro brani di musica classica e di muovere col mouse un puntatore su uno schermo di computer indicando l’emozione che ritenevano essere espressa musicalmente. I movimenti del mouse su quello che Schubert chiama “spazio emotivo bidimensionale” mostravano se i soggetti consideravano la musica allegra, triste, eccitante o noiosa. Questi movimenti venivano registrati automaticamente dal computer in ogni istante dell’esecuzione del brano. “I risultati – dichiara Schubert – ci dicono che l’eccitazione è associata con il volume e, in misura minore, con il tempo. Inoltre è stata confermata la relazione, ben nota, fra allegria e tonalità in maggiore e fra tristezza e tonalità in minore. Il mio studio però suggerisce che la percezione di felicità nella musica è associata anche con il numero di strumenti”. I brani utilizzati nello studio erano le Danze Slave op. 46 di Dvorak, il Concerto de Aranjuez di Rodrigo, la Pizzicato Polka di Strauss e il “mattino” di Grieg. I risultati saranno pubblicati prossimamente sulla rivista “Music Perception“.

 

Tratto da: Le scienze

 

accordatura a 432 hz

"Accordatura 432 Hz" e book gratuito

Scarica ora l’ebook gratis sul tuo PC

e comincia subito a leggerlo.