La Terra piatta e il bufalismo:
educazione su internet

26 Agosto 2019 0 Di Enzo Crotti
Confine Terra piatta

Internet è il luogo virtuale che ha allargato la possibilità di interazione del mondo reale. Dando parola e spazio a tutti, si sono amplificate anche molte notizie e teorie vere e false che siano, oppure complottistiche, come ad esempio il “terrapiattismo”, teoria quantomai surreale. Come possiamo mantenere un educato senso critico in questa traviata rete sociale virtuale?

Vorrei parare in questo articolo anche di Terra piatta, ma soprattutto di educazione, rispetto e di senso critico. Troppo spesso su internet si giudica senza conoscere a fondo ciò che si legge, magari mancando di senso critico e di educazione, bollando perciò tutto come non credibile, oppure come credibile. Il bianco e il nero in natura non esistono, può esistere il molto bianco o il molto nero, ma per il resto è tutto una contaminazione.

Giudicare quale sia la verità non è sempre semplice, questo anche perché il nostro piccolo punto di vista di umani sulla Terra non ci permette una visione completa e globale di ciò che esiste. Ecco perché si dice che vi sono diverse realtà a seconda del punto di vista di chi le osserva, e in questo la fisica quantistica ha dimostrato ampiamente come molte nostre credenze sono attualmente messe in seria discussione da evidenze sperimentali, che ci rendono incredibilmente piccoli.

Allora, se viviamo in un mondo così complesso per le nostre povere capacità, come dobbiamo comportarci? Dobbiamo smettere di credere in tutto? Dobbiamo forse al contrario credere in tutto?

Personalmente, e chi mi legge lo sa, non credo si debba credere a tutto ma neppure a nulla. Occorre piuttosto sviluppare una propria esperienza critica che ci porti alla scoperta, giorno dopo giorno, di piccole realtà importanti per noi e per chi ci circonda. Come? Naturalmente verificando con i mezzi a nostra disposizione quello che leggiamo o che studiamo su internet, sui giornali, sui libri e sui media in generale.

Su internet è tutto falso?

Non è vero che su internet sia tutto falso e dovrebbe perciò essere censurato come vorrebbero alcune persone. In realtà su internet c’è molto di buono, assieme a molto di storto e forviante. Sviluppare il proprio senso critico è fondamentale in questo marasma, perché non sempre le notizie che ci arrivano dalle fonti ufficiali sono oro colato. Questo è dovuto al fatto che quando ci sono molti interessi in gioco, l’ignoranza costituisce un elemento di vantaggio per chi ne vuole approfittare.

Personalmente sono un sostenitore della musica a 432 Hz, ma non sono interessato a teorie complottistiche che condiscono inutilmente tutto ciò che di originale si incontra su internet. Cerco invece di portare avanti la mia ricerca su dati obiettivi, trovando gli studi e le idee interessanti per la mia esperienza artistica e la mia capacità critica.

Ma allora la Terra è piatta?

Prima di rispondere a questa domanda vorrei parlare della cosa più importante di tutte: il rispetto. Giudicare in malo modo un sostenitore oppure un oppositore a qualsiasi teoria o idea, non è una cosa intelligente. Su internet scivolano facili le offese e questo è sbagliato perché assieme alla teoria del momento, quando si esprime un giudizio così negativo, stiamo anche giudicando l’esperienza della persona che si esprime, e probabilmente non la conosciamo. Lasciamo per favore i giudizi a qualcuno più in alto e occupiamoci piuttosto di sviluppare uno senso critico.

Mi rifarò alle parole di Roberto Mercadini, che sa parlare senz’altro meglio di me (in fondo a quest’articolo trovate un suo video che ho apprezzato molto sulla Terra piatta). Roberto, dicevo, è stato offeso per aver sostenuto in un suo video la sfericità della Terra, tra l’altro in un video che non era nemmeno su quest’argomento. In ogni caso non ha detto di aver ragione o giudicato chi l’aveva offeso, ma invece molto pacatamente, ha spiegato alcune caratteristiche della Terra che la farebbero (e la fanno) percepire come sferica, o come un geoide per alcuni. Quindi alla luce di ciò ha detto che se è una congiura, la tesi della Terra sferica è molto ben architettata e quindi chi la sostiene non può essere uno sciocco, in quanto occorre molta acutezza per smontare queste tesi così be ordite.

Evidenze della Terra sferica

Pitagora

Molti illuminati pensatori del passato hanno sostenuto la Terra sferica senza avere i mezzi di oggi, primo tra tutti Pitagora, a me molto caro anche per i suoi studi sul suono. Se non vogliamo credere alle foto della Nasa, vediamo alcuni punti osservabili a sostegno di una “Terra sferica” (wikipedia):

  • Navigando, si vedono in lontananza le montagne prima delle terre ai loro piedi, le vele delle barche prima dei loro scafi.
  • Spostandosi verso nord, il sole è più basso nel cielo, mentre le stelle circumpolari sono più alte e altre stelle luminose come Canopo scompaiono dal cielo.
  • La terra getta un’ombra circolare sulla Luna durante un’eclissi lunare.
  • È possibile circumnavigare il mondo senza variare la propria direzione (cioè muovendosi, ad esempio, sempre verso est), si può cioè viaggiare attorno al mondo tornando al punto di partenza senza modificare l’angolo della propria traiettoria orizzontale.
  • I viaggiatori che circumnavigano la Terra osservano il guadagno o la perdita di un giorno rispetto a quelli che non lo fanno. (vedi anche Linea internazionale del cambio di data).
  • Tutti i pianeti del Sistema Solare sono sferici, così come i loro satelliti e il Sole stesso. Perché la Terra non dovrebbe esserlo?
  • Un satellite artificiale può fare il giro della terra di continuo e anche essere geostazionario.
  • La terra appare come un disco su fotografie scattate dallo spazio, a prescindere dal punto di osservazione.
  • Il Sole scompare al tramonto e riappare all’alba oltre la curvatura della Terra e conservando pressoché intatte le dimensioni apparenti mentre su una Terra Piatta esso si vedrebbe sparire al tramonto rimpiccolendosi e riapparire all’alba ingrandendosi.
  • Il sole, all’alba e al tramonto – mentre sembra scomparire o apparire da sotto l’orizzonte – sembra illuminare dal basso le nuvole, che assumono il tipico colore rossastro. Ciò non dimostra che la Terra sia sferica, ma implica che nel suo moto reciproco rispetto alla Terra, il Sole debba necessariamente abbassarsi per scomparire sotto l’orizzonte e non che possa semplicemente allontanarsi sopra le nuvole. Perciò qualunque modello a terra piatta che non prevede questo abbassamento (come ad esempio il modello della Flat Earth Society) è per forza sbagliato.
  • La faccia visibile della Luna si vede sottosopra da un emisfero all’altro mentre su una Terra Piatta essa si vedrebbe sempre allo stesso modo e, addirittura, da alcune zone dovrebbe vedersi anche la faccia nascosta della luna.
  • La volta celeste sembra ruotare in senso antiorario nell’emisfero nord, e in senso orario nell’emisfero sud. Ciò è incompatibile con qualunque modello a Terra Piatta, sia ferma che in movimento. Inoltre la volta celeste sembra ruotare attorno alla Stella polare nell’emisfero boreale e attorno alla Croce del Sud nell’emisfero australe.
  • Nell’emisfero boreale sono presenti costellazioni diverse da quelle dell’emisfero australe. Come riporta lo stesso Aristotele, più ci si muove verso sud più è visibile il cambiamento della volta celeste, ed infatti appaiono nuove stelle altrimenti invisibili a latitudini superiori.

Conclusioni

Per quanto mi riguarda naturalmente non ho alcun dubbio sulla sfericità della Terra, questo per la mia esperienza di ricercatore musicale che indaga la fisicità del suono e le sue somiglianze con la vita. In ogni caso non giudico chi invece ha dei dubbi a riguardo, perché se li ha sarà una conseguenza della sua esperienza, oppure una conseguenza delle molte menzogne sostenute nella storia da chi non ha interesse al cambiamento. Dopo tutto anche Galileo sarebbe stato giudicato un “complottista” o un “bufalista” nel mondo moderno.

Le parole d’ordine sono quindi educazione e rispetto. Prima di lanciarsi in picchiata su un’affermazione, meglio rilassarsi e cercare di capirne le origini, se possibile. Se si è in disaccordo naturalmente si può manifestarlo, ma sempre con rispetto per l’esperienza altrui. Ecco perché voglio fare i complimenti a Roberto Mercadini: non per le sue interessanti parole, ma per il modo garbato e intelligente con cui ha replicato a chi lo aveva offeso ingiustamente.


Video: Roberto Mercadini – La terra è sferica?


Ti è piaciuto questo articolo? Allora potrebbero interessarti anche le opere dell’autore Enzo Crotti: