La realtà è un’illusione divina

La realtà è un sogno di dioIl modo orientale di concepire la realtà come un sogno illusorio, è definito dalla parola “maya”. Notate la somiglianza con la nostra parola “magia”, non è un caso. Così come il mago crea qualcosa dal nulla, anche la realtà è creata dal nulla in questa visione, solo che quel sogno in cui tutti siamo compresi, è opera di Dio.

 

Anche un artista crea qualcosa di magico, come fosse dal nulla. Ad esempio un pittore dipinge un quadro utilizzando una semplice tela e colori. Oppure il musicista compone le sue opere unendo assieme semplici suoni. Tutte queste opere non sono la sola somma degli elementi di cui sono composte, ma c’è di più.

Nella creatività dell’arte possiamo riconoscere la magia, quella stessa magia che permea il meraviglioso sogno che viviamo assieme. Certo è molto più microscopica, ma alla fine il più grande artista è proprio Dio.

Probabilmente la realtà non è come la percepiamo, è un’illusione che noi interpretiamo. Proprio come un quadro non è in realtà il soggetto che noi vediamo, ma solo un insieme di strati di colore su tela, anche la realtà non è altro che vibrazioni di energia. Siamo noi, che interpretiamo quest’energia e la trasformiamo nel mondo che ci circonda.

Illusione si, ma pur sempre illusione divina. Ecco perché la vita va sempre vissuta, non va mai rifiutata. Va vissuta perché in questo sogno è presente Dio, e noi siamo qui per trovarlo. Il sogno è importante perché permette di arrivare nel profondo di chi lo fa, come ha dimostrato la psicoanalisi. Perciò rendersi conto che viviamo in un sogno e cercare di trovare chi veramente sogna, significa arrivare al punto di origine di tutto. Ed è lì che dobbiamo andare, almeno credo.

(articolo ispirato agli insegnamenti del maestro Osho)

 

by Wenz

accordatura a 432 hz

"Accordatura 432 Hz" e book gratuito

Scarica ora l’ebook gratis sul tuo PC

e comincia subito a leggerlo.

2 Commenti

  1. Aurora

    Lo credo anch’io, che dobbiamo arrivare lì. Quindi qui, in questa matrioska dall’ “apparenza” senza fine, che specchia nell’infinitamente piccolo, l’infintamente grande. L’Artista, nel dipinto.

    Mi piace molto questo post, e guarda un po che proprio oggi, riflettevo sulla bellezza di vivere la vita! Grazie mille.
    Namasté

    Replica
    1. Wenz (Autore Post)

      Grazie a te Aurora, fa sempre piacere ricevere i tuoi commenti :)) E speriamo di non perderci nella matriosca, ma di esserne degni componenti!!!!

      Replica

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *